Menù di navigazione
Documento vigente: Testo Coordinato

Legge regionale 28 dicembre 2017, n. 29

DISPOSIZIONI COLLEGATE ALLA LEGGE DI STABILITÀ PER L’ANNO 2018

Bollettino Ufficiale n. 18 del 29 dicembre 2017

Art. 21.
(Modifiche alla legge regionale 9 aprile 2009, n. 6 (Promozione delle politiche per i minori e i giovani))
1. Dopo il comma 2 dell’articolo 37 della l.r. 6/2009 e successive modificazioni e integrazioni, è aggiunto il seguente:
“ 2 bis. La Regione promuove, altresì, interventi per prevenire e contrastare i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo in attuazione di quanto previsto dalla Sito esternolegge 29 maggio 2017, n. 71 (Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo). ”.
2. Dopo l’articolo 37 della l.r. 6/2009 e successive modificazioni e integrazioni, è inserito il seguente:
“ Articolo 37 bis
(Interventi contro il bullismo e il cyberbullismo)
1. La Regione, in attuazione di quanto previsto dall’articolo 37, comma 2 bis, e nei limiti di quanto previsto dalle disposizioni Sito esternodella l. 71/2017 , promuove e sostiene interventi per la diffusione della cultura della legalità e del rispetto della dignità personale, nonché interventi per la tutela dell’integrità psico-fisica dei giovani, in particolare nell’ambito scolastico e nei luoghi di aggregazione giovanile. Promuove e sostiene, inoltre, interventi finalizzati all’uso consapevole degli strumenti informatici e della rete internet.
2. La Giunta regionale istituisce, definendone altresì le modalità di funzionamento, la Consulta regionale sul bullismo e cyberbullismo con la finalità di prevenire e contrastare ogni forma di bullismo e di raccogliere informazioni sulle problematiche suddette.
3. Per gli interventi di cui al comma 1 la Regione può avvalersi degli organismi di coordinamento previsti dagli articoli 35 e 36. ”.
3. La rubrica dell’articolo 41 della l.r. 6/2009 e successive modificazioni e integrazioni, è sostituita dalla seguente: “ (Interventi sperimentali e diretti) ”.
4. Dopo il comma 1 dell’articolo 41 della l.r. 6/2009 e successive modificazioni e integrazioni, è aggiunto il seguente:
“ 1 bis. La Regione, per le finalità di cui all’articolo 36, comma 1, realizza direttamente, anche avvalendosi dell’Agenzia regionale per il lavoro, la formazione e l’accreditamento (ALFA) di cui alla legge regionale 30 novembre 2016, n. 30 (Istituzione dell’Agenzia regionale per il lavoro, la formazione e l’accreditamento (ALFA) e adeguamento della normativa regionale), interventi e azioni finalizzati a promuovere:
1. attività di orientamento e di valorizzazione delle competenze giovanili;
2. attività dirette alla valorizzazione della crescita culturale giovanile, anche finalizzata alla prevenzione del disagio;
3. attività dirette al sostegno dei giovani talenti. ”.

Note del Redattore:

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 44 del 6 febbraio – 13 marzo 2019, pubblicata nella Sito esternoGazzetta Ufficiale n. 12 del 20 marzo 2019 , ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente comma.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 44 del 6 febbraio – 13 marzo 2019, pubblicata nella Sito esternoGazzetta Ufficiale n. 12 del 20 marzo 2019 , ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente comma.