Menù di navigazione
Documento vigente: Testo Coordinato

INDICE

Art. 1. - (Ambito di applicazione).
Art. 2. - (Competenze del Consiglio regionale).
Art. 3. - (Andamento della gestione finanziaria degli enti strumentali)
Art. 4. - (Parere tecnico e di legittimità).
Art. 5. - (Funzioni di controllo della Giunta regionale)
Art. 6. - (Controllo sugli atti).
Art. 7. - (Poteri generale di annullamento).
Art. 8. - (Vigilanza della Giunta regionale sull'amministrazione).
Art. 9. - (Decadenza dei titolari degli organi di amministrazione attiva).
Art. 10. - (Controllo statale sugli atti del Consiglio regionale).
Art. 11. - (Composizione)
Art. 12. - (Funzionamento)
Art. 13. - (Compiti)
Art. 14. - (Contenuti delle verifiche di cassa).
Art. 15. - (Compenso per il revisore dei conti)
Art. 16. - (Contenuti).
Art. 17. - (Approvazione).
Art. 18. - (Esercizio provvisorio).
Art. 19. - (Regolamento di contabilità).
Art. 20. - (Contenuti e approvazione del conto consuntivo).
Art. 21. - (Rendiconto finanziario).
Art. 22. - (Conto del patrimonio).
Art. 23. - (Conto economico).
Art. 24. - (Relazione sulla situazione amministrativa).
Art. 25. - (Norme transitorie).
Art. 26. - (Rinvio alle norme regionali e statali).
Art. 27. - (Direttore generale).
Art. 28. - (Abrogazioni e rettifiche).

Note del Redattore:

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così modificata dall'art. 41, comma 1, a decorrere da quanto previsto al comma 4, della L.R. 28 aprile 2008, n. 10 . Il testo vigente fino a tale decorrenza differita è il seguente: "b) richiede al collegio dei revisori dei conti di riferire su specifici aspetti della gestione;".

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così modificata dall'art. 41, comma 2, a decorrere da quanto previsto al comma 4, della L.R. 28 aprile 2008, n. 10 . Il testo vigente fino a tale decorrenza differita è il seguente: "Collegio dei revisori dei conti".

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito dall'art. 41, comma 3, a decorrere da quanto previsto al comma 4, della L.R. 28 aprile 2008, n. 10 . Il testo vigente fino a tale decorrenza differita è il seguente: "Art. 11. (Composizione). 1. Presso ciascun ente strumentale è istituito un collegio dei revisori dei conti composto da tre membri effettivi, di cui un Presidente e due supplenti, nominati dalla Giunta regionale e scelti tra i revisori contabili iscritti nel registro previsto dall' Sito esternoart. 1 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 88 . 2. La Giunta regionale procede alla nomina dei revisori di cui al 1° comma e dei relativi supplenti, fra coloro che hanno presentato domanda. A tal fine, centoventi giorni prima della scadenza del collegio dei revisori dei diversi enti strumentali, la Giunta regionale emana un avviso pubblico. 3. Si osservano, in quanto applicabili, le norme in materia di ineleggibilità e di decadenza previste dall'Sito esternoart. 2399 del Codice Civile . 4. Sono fatte salve le disposizioni statali sui revisori dei conti degli Enti Parco.".

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito dall'art. 41, comma 3, a decorrere da quanto previsto al comma 4, della L.R. 28 aprile 2008, n. 10 . Il testo vigente fino a tale decorrenza differita è il seguente: "Art. 12. (Funzionamento). 1. Il collegio dei revisori dei conti resta in carica per tre anni. 2. I membri del collegio possono essere revocati per giusta causa e possono rinunziare all'incarico; in tal caso la rinuncia è comunicata all'organo esecutivo dell'ente strumentale nonché alla Giunta. 3. I membri supplenti sostituiscono i membri effettivi deceduti, revocati, decaduti o che abbiano definitivamente rinunciato all'incarico, fino a quando non si provveda alla nomina del nuovo membro effettivo. 4. Il collegio dei revisori dei conti delibera con la presenza della maggioranza dei componenti.".

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito dall'art. 41, comma 3, a decorrere da quanto previsto al comma 4, della L.R. 28 aprile 2008, n. 10 . Il testo vigente fino a tale decorrenza differita è il seguente: "Art. 13. (Compiti). 1. Il collegio dei revisori dei conti esercita il controllo sulla gestione contabile e finanziaria dell'ente strumentale valutandone la conformità dell'azione e dei risultati alle norme che disciplinano l'attività dell'ente, ai programmi, ai criteri e alle direttive della Regione e ai principi di buon andamento della pubblica amministrazione principalmente per quanto attiene alle esigenze di efficacia e di economicità. 2. In particolare il collegio: a) verifica, almeno ogni trimestre, la situazione di cassa nonché l'andamento finanziario e patrimoniale dell'ente; b) esprime un parere sul bilancio di previsione, sull'assestamento e sulle variazioni allo stesso; c) redige la relazione al conto consuntivo; d) vigila, anche attraverso l'esame amministrativo-contabile di atti già efficaci, sulla regolarità dell'amministrazione e in particolare controlla la regolarità delle procedure per i contratti e le convenzioni. 3. Il presidente del collegio comunica i risultati delle verifiche di cassa e dell'attività di vigilanza previste dalle lett. a) e d) del 2° comma all'organo esecutivo dell'ente strumentale e alla Giunta regionale. 4. I membri del collegio possono partecipare senza diritto di voto alle riunioni dell'organo collegiale, della cui convocazione deve essere data loro notizia nei termini e nei modi prescritti per i componenti dello stesso organo. 5. Il presidente del collegio si riferisce alla Giunta regionale ogni volta che la stessa abbia richiesto al collegio di riferire su aspetti specifici della gestione. 6. I revisori dei conti per l'esercizio delle funzioni indicate ai commi precedenti possono procedere anche individualmente ad attività di ispezione e hanno libero accesso a tutti gli atti e scritture contabili dell'ente strumentale."

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo già sostituito dall' art. 9 della L.R. 4 giugno 1996, n. 25 e così ulteriormente sostituito dall'art. 41, comma 3, a decorrere da quanto previsto al comma 4, della L.R. 28 aprile 2008, n. 10 . Il testo vigente fino a tale decorrenza differita è il seguente: "Art. 15. (Indennità di carica per il Presidente e membri del collegio dei revisori dei conti). 1. L'indennità di carica spettante per l'attività svolta dai membri del collegio dei revisori dei conti è determinata in relazione all'ammontare delle entrate e delle uscite finanziarie risultante dal bilancio di previsione dell'ente. 2. A tal fine sono individuate tre fasce comprendenti gli enti strumentali con un ammontare delle entrate previste dal bilancio rispettivamente oltre i 50 miliardi, da 20 a 50 miliardi, fino a 20 miliardi. 3. In relazione all'appartenenza dell'ente strumentale alle fasce di cui al comma 2, ai revisori dei conti effettivi spetta un compenso annuo, al lordo delle ritenute di legge, rispettivamente pari a lire 12.000.000, 10.000.000 e 8.000.000. L'indennità lorda è maggiorata dell'IVA e dei contributi integrativi per le casse previdenziali dei professionisti, qualora dovuti. Al Presidente del collegio dei revisori dei conti spetta un compenso maggiorato del 20 per cento. 4. Ai revisori dei conti supplenti spetta il compenso previsto per il revisore effettivo sostituito. 5. I compensi di cui al comma 3 sono maggiorati del 20 per cento per i revisori dei conti degli enti di gestione delle aree protette di cui alla legge regionale 22 febbraio 1995, n. 12 (riordino delle aree protette). 6. Per i rimborsi spese si applicano le disposizioni di cui alla legge regionale 3 gennaio 1978, n. 1 (rimborso spese ai componenti di organi collegiali non elettivi della Regione o le cui spese di funzionamento sono a carico della stessa) e successive modificazioni e integrazioni."

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così modificato dall'art. 41, comma 1, a decorrere da quanto previsto al comma 4, della L.R. 28 aprile 2008, n. 10 . Il testo vigente fino a tale decorrenza differita è il seguente: "Art. 17. (Approvazione). 1. Il progetto di bilancio di previsione, unitamente alla relazione illustrativa, è sottoposta all'esame del collegio dei revisori dei conti ai fini del parere di cui all'art. 13, 2° comma, lett. b), prima della definitiva approvazione. 2. Il collegio dei revisori dei conti formula il proprio parere sulla base delle norme del Sito esternoCodice Civile e tenendo inoltre conto di quanto disposto all'art. 16, 4° comma. 3. La definitiva approvazione del bilancio viene assunta entro il 30 settembre dell'anno precedente a quello cui si riferisce il bilancio e, corredata della relativa documentazione, della relazione illustrativa dell'organo esecutivo e del parere del collegio dei revisori dei conti, viene trasmessa alla Giunta regionale per il controllo e per la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale.".

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così modificato dall'art. 41, comma 1, a decorrere da quanto previsto al comma 4, della L.R. 28 aprile 2008, n. 10 . Il testo vigente fino a tale decorrenza differita è il seguente: "Art. 20. (Contenuti e approvazione del conto consuntivo). 1. Il conto consuntivo si compone del rendiconto finanziario, del conto del patrimonio, del conto economico e di una relazione sulla situazione amministrativa. 2. Il conto consuntivo degli enti strumentali è redatto in conformità ad uno schema-tipo, valido per uno o più enti strumentali, approvato dalla Giunta regionale. 3. Lo schema-tipo è predisposto dalla Giunta regionale attenendosi ai criteri prescritti per il rendiconto regionale dal titolo III della l.r. 4 novembre 1977, n. 42 in materia di bilancio e contabilità regionale, nonché dalla normativa comunitaria in materia. 4. Il progetto di conto consuntivo, unitamente alla relazione illustrativa, è sottoposto dall'organo esecutivo all'esame del collegio dei revisori dei conti almeno trenta giorni prima del termine di cui al comma 7. 5. La relazione illustrativa deve riguardare i dati sull'andamento della gestione dell'ente nonché i fatti di rilievo verificatisi anche dopo la chiusura dell'esercizio, che incidono sul conto consuntivo. 6. Il collegio dei revisori dei conti redige apposita relazione, da allegare al predetto progetto, contenente le indicazioni previste dal Sito esternoCodice Civile e in particolare l'attestazione sulla corrispondenza delle risultanze di bilancio con le scritture contabili, le valutazioni sulla regolarità ed economicità della gestione nonché eventuali indicazioni circa il miglioramento tecnico-finanziario della gestione. 7. Il conto consuntivo è approvato dal competente organo dell'ente strumentale entro il mese di aprile successivo alla chiusura dell'esercizio. 8. La relativa deliberazione, corredata della relazione dell'organo esecutivo e di quella del collegio dei revisori dei conti, viene trasmessa alla Giunta regionale. 9. Il presidente dell'organo esecutivo o il direttore generale e il presidente del collegio dei revisori dei conti trasmettono alla Giunta regionale, ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 3, le relazioni rispettivamente dell'organo esecutivo e del collegio."

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito dall' art. 5 della L.R. 27 giugno 2012, n. 22 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Secondo le disposizioni di cui all'art. 3 della L.R. 12 novembre 2014, n. 34 , la presente legge, ai sensi di quanto stabilito dall'ultimo periodo del comma 1 dell'Sito esternoart. 1 del decreto legislativo n. 118/2011 , trova applicazione per le parti non incompatibili con le disposizioni contenute nel medesimo decreto.